ORFEO TAMBURI

,

Jesi, 1910 – Parigi, 1994

Nato a Jesi nel 1910, studiò all’Accademia di Belle Arti di Roma. Qui fu da subito vivace sostenitore dalla vita culturale della città: collaborò a numerose riviste letterarie ed artistiche sia con disegni che con scritti. Partecipò a numerose esposizioni alla Quadriennale di Roma e alla Biennale di Venezia e si dedicò anche all’illustrazione di alcuni libri come “Piccola Roma” di Ungaretti e “Passeggiate Romane” di Stendhal. Dal 1947 si stabilì a Parigi scoprendo così la pittura francese apprezzando in particolare quella di Cezanne. Dallo stile d’oltralpe trasse un delicato colorismo che caratterizzò sempre le sue opere: la sua pittura era per lo più urbana e caratterizzata da colori delicati e armonici, accentuando la leggerezza delle composizioni con utilizzo frequente degli acquarelli. Nel 1957 viaggiò anche negli Stati Uniti ritraendo dieci città per la rivista Fortune e solo in tarda età fece rientro nella sua città natale istituendo in ricordo della madre, il premio “Città di Jesi. Rosa Papa Tamburi”. Il pittore tuttavia morì a Parigi nel 1994.