AGENORE FABBRI

,

Barba 1911

Scultore e ceramista. Studia alla Scuola d'Arte di Pistoia, e dal 1935 lavora in un atelier di ceramica ad Albisola. Inizialmente legato all'opera di Marino Marini, l'uso della terracotta, nei primi anni Cinquanta, porta Fabbri a risolvere le sue sculture in senso espressionista come in Cavalli e cavalieri, creando anche animali mostruosi o insetti giganteschi. Anche quando Fabbri si rivolge al bronzo la sua opera, pur nell'accostamento alla morfologia umana, non cessa di destare inquietudine.