ANDY WARHOL

,

Pittsburgh 1928 - New York 1987

Pittore, grafico pubblicitario, designer, serigrafo. Dopo gli studi di pictorial design al Carnegie Institute of Technology, nel 1949 si trasferisce a New York dove lavora come grafico pubblicitario e designer commerciale, per 10 anni. Ben presto si presenta come demistificatore del fare arte, della sua originalità, tanto che, agli inizi degli anni '60, attua la rivoluzione artistica della ripetitività illimitata, adottando la tecnica serigrafica anche come maniera pittorica di base, relativa al concetto seriale di consumismo di massa. L'opera di Warhol, emblema della pop-art, diventa, quindi, opera originale in quanto rappresentazione della serialità massificata; le sue immagini (pittoriche o esclusivamente serigrafiche), dai ritratti di Marilyn Monroe, di Liz Taylor, di Jackie Kennedy, di Mao Tse-Tung agli oggetti del consumismo come la Campbell Soup, la Coca-Cola e Brillo riproducono il vissuto quotidiano; gli oggetti sono quelli di largo consumo, i volti quelli della mitizzazione di massa e assumono valore di simbolo della nostra contemporaneità. Durante gli anni 70 Warhol passa dalla serigrafia su tela alla stampa su carta, adottando il vero multiplo per tutti. Negli anni '80 la sua demitizzazione si sposta anche verso la pittura antica che rivisita nel suo aspetto formale, fino ad allora rifiutato.